Settantesimo anniversario della prima apparizione della Madonna delle Ghiaie a Bonate Sopra

Ghiaie, migliaia di fedeli a Bonate per la Madonna ma la Chiesa nega

Martedì, nel giorno del settantesimo anniversario della prima apparizione mariana, la cappelletta di Bonate Sopra si è riempita di fedeli che, come ogni anno, non si sono dimenticati di passare dalla Vergine per una preghiera veloce o per presenziare ad una delle tante messe celebrate. Nemmeno la pioggia, caduta copiosa intorno alle 16, ha scoraggiato i devoti che, armati di ombrello, fede e pazienza, hanno deciso di sfidare le intemperie.

Il sentitissimo appuntamento, che i cristiani bergamaschi – e non – attendevano da tempo, ha dunque riscosso il successo che tutti si aspettavano, nonostante la Curia di Bergamo non abbia mai riconosciuto le apparizioni: ufficialmente, infatti, il caso è stato chiuso il 30 aprile del 1948 con un decreto “non consta” firmato dall’allora vescovo di Bergamo Adriano Bernareggi. Eppure, quella bimba di sette anni, Adelaide Roncalli, di gente sui prati di Bonate Sopra ne aveva radunata, nonostante i dubbi sollevati sin da subito dalla Chiesa e la guerra nel pieno del suo svolgimento (solo un mese e mezzo dopo la Dalmine, oggi Tenaris, avrebbe subito lo spaventoso attacco che ha portato morte e distruzione): una volta sparsa la notizia i treni di mezza Italia si sono riempiti per raggiungere quella piccola località della provincia bergamasca che per diciotto giorni ha regalato guarigioni inspiegabili ai dottori.

Inutile dire che la vita della piccola Adelaide dopo quelle visioni è cambiata radicalmente. Sono infatti seguiti processi, interrogatori, dubbi, indagini, dichiarazioni e successive smentite, il tutto sotto l’occhio vigile di una commissione teologa istituita dal vescovo in persona, che alla fine ha deciso di vietare ogni forma di devozione verso una serie di apparizioni (13 in tutto, 8 con la Sacra Famiglia) che non sono mai state confermate.

Ma questo poco importa ai tantissimi pellegrini che, spinti dalla fede e alla devozione, in questi settant’anni non si sono mai chiesti se quei piccoli miracoli che hanno portato nella Bergamasca la Madonna si siano verificati davvero oppure no.

(Foto tratte da madonnadelleghiaie.it)

tratto da: bergamonews.it

vedi anche: Adelaide Roncalli e la Madonna delle Ghiaie di Bonate

Questa voce è stata pubblicata in Religione e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.