Scoperto un nuovo gioviano caldo a 480 anni luce di distanza dal Sole

Un nuovo gioviano caldo si va ad aggiungere al nutrito elenco di esopianeti scoperti dagli scienziati

Un nuovo gioviano caldo si va ad aggiungere al nutrito elenco di esopianeti scoperti dagli scienziati con dimensioni confrontabili o poco superiori a quelle del gigante gassoso del nostro Sistema Solare. L’ultimo arrivato in ordine di tempo orbita, in appena 10 giorni, attorno alla stella TAP 26, appartenente alla classe di stelle variabili T Tauri, a circa 480 anni luce di distanza dal Sole.

La scoperta di TAP 26 b, così è stato battezzato il nuovo gioviano caldo, è stata effettuata da un team di astronomi dell’Università di Tolosa e presentata in uno studio pubblicato sull’archivio on line arXiv.org.

Gli astronomi dell’ateneo francese hanno catturato TAP 26 b grazie all’occhio di 3,6 metri di diametro del Canada-France-Hawaii-Telescope (CFHT), in cima al vulcano spento Mauna Kea, nelle Hawaii, durante una campagna osservativa tra novembre 2015 e gennaio 2016. La scoperta è basata, in particolare, sull’analisi di 29 spettri raccolti nell’arco di 72 giorni di osservazione.

Il nuovo esopianeta – spiega l’Agenzia Spaziale Italiana – è un po’ più grande di Giove, circa il 66% più massivo. La sua massa è, infatti, 1,66 volte quella del gigante gassoso del Sistema Solare. La stella attorno alla quale orbita ha, invece, una massa simile al Sole, ma è 17 milioni di anni più vecchia. TAP 26 b orbita piuttosto vicino alla sua stella, a una distanza di 0,1 Unità Astronomiche (UA), un decimo della distanza media Terra-Sole.

Il breve periodo orbitale, l’enorme massa e la prossimità con la sua stella ospite fanno di TAP 26 b un cosiddetto gioviano caldo. Secondo gli autori, lo studio di questo nuovo pianeta extrasolare e delle sue proprietà orbitali potrebbe aiutare gli astronomi a comprendere meglio come si formano e migrano i gioviani caldi, pianeti gassosi grandi come Giove, ma vicinissimi alla propria stella di riferimento.

.
A cura di Filomena Fotia 
.
Questa voce è stata pubblicata in Astronomia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi