Pittura – Giorgio Vasari

VASARI - AutoritrattoGiorgio Vasari nacque ad Arezzo il 30 luglio 1511.
Si formò a Roma e, prevalentemente, a Firenze, dove fondò l’Accademia delle arti e del disegno insieme ad altri artisti, basata sul principio che lo studio del disegno è la base per tutte le arti. 
Egli agisce sulla base dei modelli del primo manierismo pittorico, prendendo esempio in particolare da Raffaello e da Michelangelo, pur non disdegnando influenze veneziane. Giorgio Vasari è ricordato prevalentemente per la sua attività di storiografo e critico d’arte con le Vite de più eccellenti pittori, scultori et architetti di cui si ha una prima edizione risalente al 1550 ed una seconda del 1568 più ampliata.
Di cultura eclettica ed erudita, trovò ambiente favorevole in Roma, nel periodo dal 1542 al 1546, nella cerchia del cardinale Farnese, grazie al quale ottenne la prima grande committenza, il ciclo pittorico nella Cancelleria Vaticana.
Decise poi di organizzare in forma letteraria gli appunti raccolti nei suoi viaggi in Italia e nel 1550, a Firenze, diede alle stampe per l’editore Lorezo Torrentino, la prima edizione delle cosiddette “Vite” (titolo originale: “Le Vite de’ più eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani, da Cimabue, insino a’ tempi nostri”). E’ lo scritto che ne consacrò, più della stessa produzione artistica, la sua fama nei secoli. Per la seconda edizione dell’opera (titolo originale: “Le Vite de’ più eccellenti pittori, scultori e architettori” per i tipi di Giunti, Firenze 1568) il Vasari realizzò le incisioni che sono utilizzate in apertura delle schede dedicate agli artisti.
Il ritorno a Firenze lo legò indissolubilmente al duca Cosimo I, per il quale attuò il progetto celebrativo della famiglia dei Medici e delle passate glorie fiorentine, costruendo gli Uffizi (1560) e realizzando nel corridoio detto appunto “vasariano” uno scenografico collegamento fra il centro del potere (Palazzo Vecchio) e la residenza medicea (Palazzo Pitti).

Il 27 giugno 1574 Giorgio Vasari muore a Firenze .

vedi anche: http://www.tanogabo.it/arte/Vasari/index.html

Questa voce è stata pubblicata in Varie e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.