Nel 2022 una trivella italiana cercherà l’acqua sulla Luna

Una trivella italiana cercherà acqua nel sottosuolo della Luna in vista della creazione di un insediamento umano permanente.

A margine della mostra “Marte. Incontri ravvicinati con il Pianeta Rosso” presso il Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia di Milano, Marco Stanghini, responsabile Sviluppo business Spazio Leonardo, ha spiegato che una trivella italiana cercherà acqua nel sottosuolo della Luna in vista della creazione di un insediamento umano permanente: il modello di sviluppo sarà ultimato entro l’estate nello stabilimento di Leonardo a Nerviano.
La trivella, parte della missione ‘Lunar-Resurs‘, in programma nel 2022, e ideata dall’Agenzia Spaziale Europea in collaborazione con l’omologa russa Roscosmos, “è stata progettata per operare ad una temperatura decisamente piu’ proibitiva rispetto alla trivella marziana della missione ExoMars: sulla Luna, infatti, fa estremamente freddo, con una temperatura di circa -170 C“, spiega Stanghini.

La trivella ExoMars è formata da una punta lunga mezzo metro a cui vengono aggiunte in maniera automatizzata tre aste di estensione, mentre la trivella lunare “avrà una sola punta lunga 150 centimetri, che perforera’ il suolo fino ad una profondita’ di 120 centimetri alla ricerca di acqua e altri materiali utili alla costruzione di una base lunare“.

fonte: meteoweb.eu
.

 

Questa voce è stata pubblicata in Astronomia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi