Il pianeta Mercurio si è ristretto

Nulla di fantascientifico. Il pianeta Mercurio, il più piccolo, come saprete, dell’intero sistema solare a cui apparteniamo, si è ristretto.  La scoperta arriva da Paul Byrne, geologo planetario del Carnegie Institution di Washington, secondo cui Mercurio, in passato più grande di quanto è ora, ha “perso” 14 km di diametro. Che può sembrare poco, considerando miliardi di anni, ma non lo è.
«Il paesaggio si sta accartocciando», spiega William McKinnon, professore alla Washington University, «e immense porzioni di roccia slittano l’una sull’altra».

Mercurio sta diventando sempre piu’ piccolo

La superficie di Mercurio è costituita da roccia, ma al suo interno è contenuto un nucleo di ferro che nel tempo, per effetto dell’evoluzione planetaria, si è contratto sempre di più, contribuendo al ridimensionamento.
Tutti i pianeti sono destinati a raffreddarsi e a contrarsi, ma Mercurio è considerato un caso estremo, a causa del suo enorme nucleo ferroso, dal raggio di 2020 km (quasi il doppio di quello terrestre), che lascia solo un raggio di 420 km per il mantello e la crosta. Gli studi sono stati portati avanti sulla base delle misurazioni realizzate attraverso la sonda della Nasa 
Mainer 10, poi confrontate con i modelli al computer che gli scienziati utilizzano per determinare la composizione interna, la chimica e la struttura del pianeta.

fonte

Questa voce è stata pubblicata in Astronomia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.