Il mistero della presunta scoperta di una città sommersa nel Triangolo delle Bermuda

Due scienziati, Paul Weinzweig e Pauline Zalitzki, affermano da tempo che avrebbero rinvenuto una misteriosa città con sfingi e piramidi al di sotto delle acque del famigerato Triangolo delle Bermuda.
In tempi geologici passati la zona non era sommersa, ma con il passare delle ere si è andati incontro a sconvolgimenti che hanno cambiato la topografia della zona. La presunta città con le piramidi si troverebbe a 2/300 metri al di sotto dell’oceano, in un’area mai scandagliata fino ad ora da sonar, radar ed altre apparecchiature simili.

La città di Atlantide come tutti ce la immaginiamo (ricostruzione di fantasia)

Secondo i due ricercatori si tratterebbe di Atlantide, “La città perduta”, risalente a circa 10.000 anni fa. Nel lontano passato la regione era terraferma, ma ora solo l’isola di Cuba è sopra l’acqua.
E’ stato fatto l’uso di un robot dotato di sensori e telecamere che ha confermato la presenza della misteriosa città, ma prima di proclamare la scoperta attendiamo tutti responsi ufficiali da parte degli enti predisposti per la ricerca oceanografica. Sempre secondo i due scienziati, nella città ci sarebbero 4 grosse piramidi (alte circa 50 metri) e perfino una sfinge, molto simile alla “collega” in Egitto.

Ultimamente sono giunte sempre più segnalazioni dall’area del ritrovamento, quindi qualcosa deve esserci per forza, e l’eventuale conferma di una città sommersa non andrebbe neanche in contrasto con i tempi geologici di glaciazioni, terremoti e vulcani, dato che 10.000 fa quando scomparse Atlantide il livello del mare era inferiore a quello attuale di circa 140 metri, poi nella zona delle Bermuda si sono verificati alcuni cataclismi, incluso un violento terremoto.

Ma potrebbe anche trattarsi di una scoperta non recente, dato che il giornalista Luis Mariano Fernandez afferma che si tratta di un sito già noto agli archeologi subacquei, scavo chiuso però in corrispondenza della Guerra Fredda perchè si temeva che la scoperta potesse finire in mano ai russi. Non resta dunque che indagare e seguire l’evolversi della vicenda.

fonte

 

Questa voce è stata pubblicata in Leggende, Misteri e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.