I misteri delle statue dell’isola di Pasqua

Statue Moai sull’isola di Pasqua

Il fascino delle statue dei Moai sull’isola di Pasqua non passa mai di moda, molti misteri avvolgono queste sculture e molte teorie vi circolano intorno. La loro fama deriva sopratutto dalla loro enorme ed enigmatica testa ma queste statue hanno ancora in serbo numerosi altri segreti. Più della metà della loro dimensione è risultata interrata, corpo e mani erano infatti celati dal terreno.
Un paio di anni fa, la coppia Routledge, un gruppo privato di ricerca, ha scoperto una statua che aveva molte scritte sul tronco e per qualche motivo non noto l’hanno sotterrata nuovamente. I Moai hanno tutti un aspetto simile: le labbra serrate con il mento in alto; l’atteggiamento è ieratico e severo tale da suscitare rispetto.

Sull’intera isola, si trovano 1000 statue e tutte sono state fatte con dei materiali vulcanici presenti nelle zone circostanti. Circa 400 statue incomplete si trovano nel cratere Rano Raraku, totalmente abbandonato a se stesso. Si pensa che gli indigeni distrussero le statue dei Moai anni dopo la loro costruzione e sicuramente anche i terremoti avranno contribuito a distruggerle. Sebbene vengano spesso identificati con le teste, come abbiamo appena detto hanno spalle, braccia, torsi, che sono stati piano piano, negli anni, sotterrati dalla terra circostante

fonte

vedi anche: L’isola di Pasqua

Questa voce è stata pubblicata in Archeologia, Misteri e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.