L’Egitto vuole imporre il copyright sulle Piramidi, la Sfinge e gli altri suoi antichi monumenti del patrimonio archeologico. Una legge siffatta consentira’ all’Egitto di chiedere indennizzi a chi riprodurra’ le opere. Il segretario generale del Consiglio supremo delle antichita’, Zahi Hawass, ha motivato il futuro provvedimento con la necessita’ di aumentare i fondi per la manutenzione dei siti. ”La nuova legge vietera’ la duplicazione dei monumenti egiziani” nel mondo intero.