Conservare per sempre tutto il sapere umano: il disco in Vetro di Quarzo si evolve

Il disco in Vetro di Quarzo si evolve e archivia 360TB di dati per l’eternità

Ricordate il disco in Vetro di Quarzo realizzato nel 2012, in grado di offrire un sistema di archiviazione dati eterno? Beh, in 4 anni la tecnologia alla base di questo processo si è notevolmente evoluta e oggi arrivano dei risultati davvero impressionanti. Già nell’articolo del 2012 era stata ipotizzata la possibilità di aumentare la densità dei dati archiviati, al tempo pari a 40MB per pollice quadrato, anche se non era prevedibile una crescita di questo livello.

I nuovi risultati ottenuti in questo settore ci offrono infatti dei piccoli dischi di quarzo, come quello che vedete raffigurato nell’immagine di apertura, in grado di contenere sino a 360TB di dati. Ovviamente non cambia la definizione di “durata eterna“, anche se ora è stato specificato che questo arco di tempo corrisponde a 13.8 miliardi di anni; non esattamente eterno ma abbastanza lungo per qualsiasi tipo di utilizzo! Questa nuova versione del disco in Vetro di Quarzo è stata realizzata dall’università inglese di Southampton e sfrutta lo stesso principio utilizzato da Hitachi qualche anno fa. Alla base di tutto troviamo una luce laser, che pulsa con frequenze nell’ordine dei femtosecondi, in grado di creare tre strati di punti generati dall’alterazione della struttura del cristallo; ognuno di questi strati ha una distanza di 5 micron.

La lettura dei dati può essere fatta attraverso un altro strumento che emette un impulso luminoso che viene a sua volta polarizzato dalla struttura alterata del cristallo e la cui interpretazione permette di accedere ai dati registrati. Al momento questi dischi sono stati utilizzati per incidere permanentemente alcuni dei più importanti testi della storia umana, tra cui la Bibbia, la Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, l’Opticks di Newton, la Magna Charta Libertatum e altri ancora. In questo modo sarà possibile conservare per sempre tutto il sapere umano, con la certezza che, se mai dovesse essere distrutto, la colpa non sarà stata del tempo.

Read the article on News Republic

Read the original article

Questa voce è stata pubblicata in Scienza e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.