Buco nero cacciato di “casa” dopo scontro tra galassie

Un buco nero cacciato di ‘casa’ dopo un violento scontro tra galassie: potrebbe essere questa l’origine della misteriosa luce che proviene dalla galassia Markarian 177, posta a 90 milioni di anni luce da noi. L’ha identificata Swift, il satellite della Nasa che ha appena compiuto dieci anni: alla sua missione da’ un importante contributo anche il nostro Paese attraverso l’Agenzia spaziale italiana (Asi) e l’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf). Destinato a catturare immagini e dati sulle esplosioni piu’ potenti che avvengono nell’universo, i lampi gamma, Swift e’ stato lanciato da Cape Canaveral il 20 novembre 2004.

Erede di un satellite tutto italiano (BeppoSAX) andato in ‘pensione’ nel 2003, Swift porta a bordo tecnologia italiana, come gli specchi per raggi X usati dal telescopio XRT. In questi dieci anni di attivita’, Swift ”ha eseguito 315.000 osservazioni di 26.000 diversi oggetti celesti”, diventando ”una facility usata da tutta la comunita’ astronomica mondiale”, come spiega Patrizia Caraveo, direttrice dell’Istituto di astrofisica spaziale e fisica cosmica di Milano dell’Inaf. ”L’osservatorio Swift ha contribuito allo studio degli oggetti piu’ disparati – aggiunge – e oltre a fornire informazioni sul comportamento di oltre 900 lampi gamma, ha osservato 300 supernovae e 700 galassie attive”. Proprio nella galassia Markarian 177, visibile nella costellazione dell’Orsa maggiore, Swift ha individuato una misteriosa sorgente luminosa, chiamata SDSS1133. In uno studio pubblicato sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, il gruppo guidato dall’astronomo Michael Koss del Politecnico federale di Zurigo spiega che questo oggetto potrebbe essere un buco nero supermassiccio cacciato di ‘casa’ dopo lo scontro tra due galassie. I dati raccolti non permettono pero’ di escludere anche una seconda ipotesi, e cioe’ che la sorgente luminosa sia una rara stella variabile blu luminosa che episodicamente genera potenti eruzioni per poi esplodere come supernova.

fonte

Questa voce è stata pubblicata in Astronomia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.