Breve elenco di razze aliene

In questi ultimi anni sono notevolmente aumentati gli avvistamenti di U.F.O. e le persone che, ormai apertasi la cultura generale in questo senso, affermano di aver avuto un incontro del “3° tipo” o di essere addirittura stati rapiti da strane figure aliene. Molti si chiedono quando avverrà il primo vero contatto ma, soprattutto, con chi avremo a che fare. Diverse sono le testimonianze in tutto il globo di persone che ritengono di “averli incontrati”; e, che hanno fornito, una approssimativa descrizione della loro fisionomia.

Scoperta una nuova razza aliena. Le foto

I “Grigi” sono al primo posto dell’immaginario collettivo: piccoli esseri dalla statura tra i 50 e i 150 cm, corporatura esile, con una testa di notevoli dimensioni (macrocefali) e due grandi occhi neri ovali o a mandorla, e naso ed orecchie quasi inesistenti. Chiamati così appunto per il colore della loro pelle, anche completamente glabra. Vi sarebbero alcune varianti di questa razza di extraterrestri. Si diversificano in altezza (anche fino a 2 mt.) e sfumature del colore della pelle che, può essere anche tendente al blu, al marrone o all’arancione. Si sostiene provengano dal sistema Zeta Reticuli, e che siano una sorta di robot-biologici, non in grado di riprodursi, mandati in avanscoperta da altre popolazioni aliene più avanzate.

Scoperta una nuova razza aliena. Le fotoI “Grigi” risultano tra i primi imputati anche nei rapimenti. Il ricercatore statunitense Brad Steiger ha proposto una classificazione delle più comuni razze aliene, basandosi sulla casistica. Steiger cataloga quattro tipologie: gli Alfa, i Beta, i Gamma, i Delta. Ai Delta appartengono alieni non umanoidi, affini agli Insetti, ai Rettili, agli Anfibi, ai Pipistrelli. L’Uomo falena, una misteriosa creatura che sarebbe stata ripetutamente avvistata (i testimoni l’hanno descritta come un essere delle dimensioni di un uomo, con le ali e grandi occhi rossi rifrangenti o luminosi, e dotato di una velocità innaturale), farebbe parte degli insettoidi, così come gli alieni a forma di cavalletta o di mantide. Dalla costellazione del Drago arriverebbero invece i temuti “Rettiliani”; tutti si ricorderanno del noto programma televisivo denominato “Visitors”, nel quale apparivano questi grandi bipedi a forma di rettile dagli occhi rossi e la lingua biforcuta, che volevano invadere la terra.
Anche in diverse culture antiche, quali i sumeri, i babilonesi o gli egizi, sono raffigurate divinità a forma di rettile. Raffiguravano figure aliene?
Secondo lo scrittore britannico David Icke, come pubblicato nel suo libro The Biggest Secret: The Book That Will Change the World (in italiano, Il più grande segreto: Il libro che cambierà il mondo) gli umanoidi rettiliani sarebbero una presunta forza occulta che manipolerebbe e controllerebbe l’umanità. Pur sempre testimonianze opinabili ma, i noti avvistamenti del “mostro del fiume” avvenuti tra il 1987 ed inizio 2000 sulle rive del Po, sembrerebbero essere un caso italiano di avvistamento rettiliano. Dopo questa inquietante elenco di razze aliene, per fortuna, ad attenderci dietro l’angolo potrebbero esserci anche umanoidi del tutto simili a noi: i cosiddetti “Nordici”, o “Pleiadiani”. Il contattista svizzero Billy Meier affermò di aver avuto, alla fine degli anni settanta, alcuni contatti con esponenti femminili di questa razza, che gli avrebbero rivelato di essere originari delle Pleiadi, nella Costellazione del Toro. Tutt’oggi alcune persone affermano di esserne in contatto, e di ricevere “messaggi” illuminanti da queste entità extraterrestri, che sarebbero molto più evolute di noi. Esseri del tutto simili agli umani, con una altezza dai 175 ai 230 cm, capelli biondi o dorati, occhi verde-azzurri e carnagione chiara o olivastra. Si professano difensori del genere umano e parte di una “fratellanza galattica” che sostiene la pace intergalattica.

RAPIMENTI ALIENI
Di Angelo Carannante, ufologo e Presidente C.UFO.M. (Centro Ufologico Mediterraneo)

fonte

Questa voce è stata pubblicata in Ufologia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.