Altri 50 pianeti

Altri 50 pianeti extrasolari si aggiungono in un sol colpo agli oltre 600 finora conosciuti. Merito di HARPS, strumento europeo di alta sensibilità in funzione in Cile, le cui misure hanno permesso di dedurre l'esistenza dei pianeti. Quando poi si è calcolata la massa ecco una gradita sorpresa: non tutti e 50 sono pianeti gassosi, ma 16 sono di tipo roccioso, con masse che vanno da una a dieci volte quella della Terra.   

Ma c'è ancora un'altra sorpresa: tra questi 16, uno potrebbe risultare un pianeta abitabile. E' vero che orbita abbastanza vicino alla sua stella, a una distanza che è circa un quarto di quella che separa la Terra dal Sole. Ma la sua stella è meno calda del Sole. I calcoli dicono quindi che sulla superficie del pianeta devono esserci temperature simili alle nostre.
Se ci fosse un'atmosfera e acqua, questa potrebbe trovarsi allo stato liquido. E l'acqua liquida è ritenuta un elemento essenziale per il possibile sviluppo della vita. Ulteriori misure in un futuro prossimo ci diranno se quel pianeta possiede o no tali requisiti. Ma anche se non li avesse, rappresenta comunque un nuovo passo in avanti verso la scoperta di un pianeta simile al nostro. Scoperta che, di questo passo, potrebbe avvenire già in questo decennio.

fonte

Questa voce è stata pubblicata in Astronomia, Scienza e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.